Westworld 2×01 – Recensione dell’episodio “Journey into Night”

Aprile 24, 2018 di Manuela Cristiano

westworld

Westworld è ricominciato con la première della seconda stagione, “Journey into Night”, ecco la nostra recensione dell’episodio!
L’attesa è terminata, finalmente dopo un anno e mezzo Westworld è tornato con la première della seconda stagione dal titolo “Journey into Night” (viaggio dentro la notte). Non è un caso la scelta di questo titolo, riporta il nome dell’ultima storia scritta dal Dott. Ford nel finale della prima stagione e che annunciava il risveglio degli Host e la loro ribellione, come ad indicare il cerchio della vista, la fine è un nuovo inizio

 
Il primo episodio della seconda stagione di Westword si apre con un dialogo tra Dolores e Arnorld, dunque ambientato nel passato e che avevamo intravisto in parte nel secondo trailer rilasciato il mese scorso dalla HBO. Il dialogo affronta il tema dei sogni, di tutto quello che possa definirsi reale, insostituibile e qui troviamo l’obiettivo primario di Arnold, quello di aiutare gli Host a raggiungere l’autocoscienza attraverso il labirinto, e qui scopriamo che anche se è il suo desiderio più grande è anche ciò che più lo spaventa, perchè nessuno sa quali potrebbero essere le conseguenze delle scelte dettate dal libero arbitrio.

“A volte mi fai paura, Dolores. Non della persona che sei ora, Ho paura di quello che potresti diventare…”

L’episodio prosegue con il risveglio di  Bernard su una spiaggia dove ritrova Ashley Stubbs (che scopriamo essere sopravvissuto all’attacco dell’indiano avvenuto nel settimo episodio della prima stagione) insieme al capo delle operazioni di soccorso Karl Strand e a molti soldati della Delos, che mentre cercano di capire che cosa sia potuto succedere, giustiziano gli Host a detta loro per precauzione davanti al povero Bernard che adesso sa di non essere umano.
Anche se adesso sappiamo che agli sceneggiatori di Westworld piace tenere linee temporali differenti, non vuol dire che non possano essere allo stesso tempo enigmatiche e quindi la scena si sposta ad un paio di settimane prima, nel pieno della rivolta degli Host, Bernard e Charlotte Hale, riescono a rifugiarsi in uno dei laboratori segreti e qui avviene l’introduzione del misterioso robot bianco di cui avevamo parlato in precedenza; adesso veniamo a conoscenza del fatto che c’è più di un robot bianco, che possiede la capacità di leggere il DNA e rilevare eventuali minacce. Charlotte cerca di ricevere dei soccorsi che le vengono negati in quanto non è avvenuta la consegna di Peter Abernathy, l’host che interpretava il padre di Dolores nel pilot, l’originario che diede i primi segni di malfunzionamento.

Sarà forse questo il motivo per cui Jeffrey Wright aveva dichiarato nel corso del festival South by Southwest, di essere tornato a guardare l’episodio pilota di Westworld dopo aver girato la seconda stagione? Quali dati importanti contiene l’host di Peter?

Continua a pagina due per scoprire le vicende degli altri protagonisti di Westworld in questa premiere

Dolores, Maeve e The Man in Black nel primo episodio di Westworld 2

Dolores in questo episodio di Westworld 2 è sempre più assetata di vendetta, di sangue, per oltre tre decenni i visitatori del parco si sono divertiti con lei e con tutti gli altri Host senza nessuna conseguenza e adesso è arrivato il momento di pagare il conto, e nessuna pietà per loro, comunicando a Teddy l’intento di voler conquistare non solo il mondo di Westworld ma anche quello “La Fuori” perchè ritagliarsi un angolo dove vivere in maniera tranquilla e pacifica non è possibile, gli umani non lo permetterebbero mai.

Maeve in questo primo episodio di Westworld 2 è sempre alla ricerca di sua figlia, aggirandosi per i vari livelli dell’edificio incontra il fastidioso Lee Sizemore, che terrorizzato dalla ribellione, si offre di aiutarla nella sua missione e qui si vede l’altra faccia della medaglia: se Arnold ha fatto di tutto per far si che gli host prendessero coscienza del loro essere, Lee è uno di quei personaggi che non crede in tutto questo, gli host sono solo robot e non sono in grado di provare emozioni , dunque non capisce l’istinto materno di Maeve in quanto è stato programmato e poi cancellato per lui non può essere reale, ma solo un mal funzionamento del sistema. Mentre camminano in mezzo ad una marea di corpi senza vita adagiati sul suolo, Maeve ritrova il suo amato Hector ancora in vita, unendosi anche lui nelle ricerche.
L’unico che sembra essere felice di questa guerra è il nostro tanto temuto e spietato Men in Black. D’altronde nella prima stagione ha sempre sostenuto il fatto che se gli host non avevano la possibilità reale di combattere con gli umani, il gioco era truccato sin dall’inizio, togliendo di fatto l’effetto sorpresa all’avventura.
Il Man in Black che adesso sappiamo trattarsi di William, ma per non fare confusione gli sceneggiatori hanno deciso di chiamarlo Billy, incontra l’host bambino del Dott Ford e qui viene rivelato per la prima volta “The Door” (la porta), il tema su cui si baserà la seconda stagione, il sottotitolo segreto che Nolan aveva dichiarato in una precedente intervista e che preannuncia l’inizio di una nuova avventura

L’episodio si conclude con la scoperta di un mare nascosto, di cui Bernard non era a conoscenza dove al suo interno si trovano moltissimi corpi di Host senza vita quello di Teddy. Ovviamente non sappiamo come siano arrivati a quel punto o sul perchè Bernard afferma di essere il responsabile di quelle morti ma una cosa è certa: Nuovi enigmi si aprono in quella che si preannuncia essere una nuova stagione di Westworld mozzafiato.
 
Westworld, in Italia in onda su Sky Atlantic il giorno dopo la messa in onda americana e dal 30 aprile 2018 doppiata in italiano.

Per rimanere sempre aggiornati potete passare dalla pagina westworld Italia FanPage

COMMENTI