Venezia 76, Premio NuovoImaie a Virginia Apicella e Claudio Segaluscio

Settembre 7, 2019 di Thomas Cardinali

A Venezia 76 tra i premi collaterali c’è anche quello del NuovoImaie giunto alla quinta edizione, i vincitori sono la protagonista di “Nieve” e di “Sole”.

Virginia Apicella per il film “Nevia” di Nunzia De Stefano e Claudio Segaluscio per il film “Sole” di Carlo Sironi, sono i vincitori della quinta edizione del NUOVOIMAIE Talent Award, assegnato oggi al Lido  al migliore attore e alla migliore attrice emergenti italiani tra i film presentati alla Mostra del Cinema di Venezia 76. Il riconoscimento è stato ideato da NUOVOIMAIE – l’Istituto Mutualistico Artisti Interpreti ed Esecutori – per valorizzare e riaffermare il lavoro dell’attore. I due vincitori sono stati individuati, tra i film in concorso e non, dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani presieduto da Franco Montini e dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani, guidato da Laura Delli Colli.

“Il NUOVOIMAIE TALENT AWARD a Venezia è diventato ormai una lieta ricorrenza. – ha dichiarato il presidente Andrea Micicchè -. Siamo felici che il nostro riconoscimento abbia portato fortuna negli anni passati alla carriera di molti giovani attori e sia divenuto un importante riferimento nel panorama degli eventi della mostra”.

“Con questa iniziativa desideriamo contribuire concretamente al percorso di formazione e crescita professionale degli artisti emergenti, indispensabili per poter eccellere in ambito cinematografico”, ha aggiunto Gianmarco Tognazzi, portavoce del NUOVOIMAIE.

“Sono onorata di essere la madrina del NUOVOIMAIE TALENT AWARD – ha dichiarato Caterina Murino che aiuterà, senz’altro, a far scoprire due nuovi giovani talenti italiani. L’augurio più sincero che posso fare loro è che brillino tanto nel nostro Paese quanto nelle cinematografie internazionali”.

Questa la motivazione per il premio a  Claudio Segaluscio “Per l’intensità e la credibilità  con cui disegna il percorso esistenziale di un ragazzo, rabbiosamente solitario, che scopre  sentimenti a lui stesso sconosciuti, approdando ad un inaspettato e tenero desiderio di paternità”.

Il premio a Virginia Apicella  è stato assegnato con la seguente motivazione: “Un’interpretazione tesa tra naturalismo e introspezione. Una bruciante vitalità organica al territorio e alla materia di cui sono fatti i sogni e le storie. Virginia Apicella è un nome con il quale fare i conti in futuro”.

COMMENTI