Netflix: 5 serie complete da non perdere

Settembre 10, 2016 di Manuel Lai

Breaking Bad

Avete davanti il catalogo di serie Netflix e non sapete cosa vedere? Ecco i nostri consigli con 5 serie complete da non lasciarvi scappare.
Il catalogo italiano di Netflix non può vantare la stessa quantità di serie di quello di altri Paesi ma anche noi, nel nostro piccolo non possiamo certo lamentarci. La lista è davvero lunga e numerose sono le chicche offerte al pubblico italiano, alcune delle quali rappresentano dei veri e propri capolavori di genere. Se siete indecisi e non sapete cosa vedere nelle prossime settimane abbiamo selezionato per voi 5 serie imperdibili. Per non lasciare nulla al caso vi mostreremo solo quelle arrivate al finale definitivo di stagione e che potrete godervi tutte d’un fiato in una maratona di binge-watching senza precedenti. Tenetevi forte.
Boris: La “fuoriserie italiana” rappresenta, a detta di chi scrive, l’apice comico tutt’ora insuperato di una serie televisiva nel nostro Paese. Una serie tremendamente divertente, caustica, cattiva e senza peli sulla lingua, un gioiello scritto benissimo e che vedrete tutto d’un fiato senza stancarvi mai. Ad essere raccontato è il dietro le quinte di un’ignobile fiction italiana, i retroscena realizzativi di un prodotto di bassa qualità amatissimo dal pubblico. Alla guida del regista Renè Ferretti (un monumentale Francesco Pannofino) vedrete nascere e svilupparsi le vite di una sgangherato produzione televisiva. Ficcanti e puntuali i riferimenti alla realtà italiana del settore, pungente e velenosa la satira, imperdibili i cameo di alcune star, magnifiche le citazioni. Una serie italiana unica nel suo genere e, come spesso succede, sin troppo sottovalutata.

Dr House: Una delle serie USA più apprezzate nel nostro Paese. Un successo di grandi proporzioni andatosi a spegnere nelle ultime stagioni, nonostante una qualità mai venuta meno per tutti gli otto anni di messa in onda. Merito di una forte struttura a trama verticale e di una vicenda orizzontale mai troppo invadente, di un prodotto capace di unire l’ambientazione medica al drama di stampo crime e di un personaggio tra i più riusciti, complessi e profondi nella storia del piccolo schermo. Il Dr House di Hugh Laurie regge da solo il peso di tutta la serie nonostante la sua negatività e i suoi tormenti. I suoi modi di fare, le sue citazioni, la sua cattiveria e il suo cinismo rimarranno per sempre nella storia.
Penny Dreadful: Uno dei capolavori horror meglio riusciti degli ultimi anni. Tre stagioni in compagnia di una conturbante e ammaliante Eva Green e un corollario di creature e misteri in una Londra vittoriana tanto oscura quanto affascinante. John Logan ci ha regalato un prodotto affascinante e spaventoso, scritto divinamente e carico di riferimenti letterari che difficilmente troverete in altre serie di genere. Un prodotto perfetto per tutti gli amanti del mistero e del grottesco, ma anche della bella scrittura e del fascino ammaliante e seducente delle tenebre.

How I Met Your Mother: La comedy regina di questa generazione insieme a Big Bang Theory. La vita di come Ted ha conosciuto la madre dei suoi figli raccontata in uno stile unico del suo genere. Ai chiari riferimenti ad altri capostipiti del genere come Friends fanno seguito alcune trovate geniali e una storia piacevole seppur allungata sino all’inverosimile. Unico neo una nona stagione che ha deluso tanti appassionati per il lieve calo di interesse e qualità, ma che era necessaria per concludere degnamente una vicenda tremendamente divertente ma anche capace di far riflettere sull’amore, i sentimenti e i dubbi di una generazione di 30enni mai troppo cresciuta.
Breaking Bad: Il capolavoro assoluto, la serie più amata degli ultimi anni, apprezzata allo stesso livello da critica e pubblico. La storia del professore di chimica Walter White che diventa un narcotrafficante dopo la scoperta di un cancro e solo il pretesto per dare il via a una follia collettiva che ha appassionato milioni di spettatori in tutto il mondo. Ad una perfezione stilistica e scenica tutt’ora insuperata si aggiunge una sceneggiatura lenta ma puntuale come un orologio svizzero, che si prende i suoi tempi e assesta i suoi colpi con puntualità ed efficacia. Una storia incentrata sui personaggi e sulle loro evoluzioni e una qualità che, a differenza di quasi tutte le serie moderne, non perde mai in qualità dalla prima all’ultima puntata. Un cerchio perfetto, capolavoro senza tempo che sarà impossibile eguagliare per lungo tempo.

COMMENTI