martedì , 25 Giugno 2019
Westwood: Punk, Icona, Attivista – Recensione

Westwood: Punk, Icona, Attivista – Recensione

Se c’è qualcosa di davvero incredibile nel brand “Vivienne Westwood” è come sia contemporaneamente un marchio d’alta moda a livello internazionale e la fabbrica a conduzione poco più che individuale di sempre. Forse è proprio questo che ne garantisce la continua innovazione, la carica rivoluzionaria, la genuinità? O piuttosto è la capacità di stare nel cambiamento evolutivo di una donna, un’artista, che è rimasta sempre fedele a se stessa, anche a costo di risultare sgradevole?

Westwood: Punk, Icona, Attivista è un documentario biografico realizzato senza troppi orpelli. La protagonista e i suoi più stretti collaboratori intervistati frontalmente su una poltrona, filmati d’archivio, riprese durante le sfilate e nell’atelier. Schema già visto mille volte: è il contenuto a essere esplosivo.

Westwood: Punk, Icona, Attivista. E maestra di integrità

“Pensavamo di distruggere il sistema, invece eravamo parte del marketing”.

Esiste forse un’affermazione più post-punk di questa? Più veritiera, più ragionata e consapevole? Le parole di Vivienne Westwood sono intrise proprio di quella consapevolezza che non è mai rassegnazione. E in questo film non si parla di moda. Non si mostra di quando ha inventato questo o quello, di quando ha introdotto certi colori e certi tagli nel mondo dell’alta moda, di come ha mescolato tessuti e stampe. Non è questo che ci interessa.

Vivienne Westwood

Quello che racconta Westwood: Punk, Icona, Attivista è la storia di una donna dotata di una integrità senza pari, che pur evolvendosi e stando sempre nel cambiamento – come è giusto che sia in un ambiente che interpreta il mondo come quello della moda – è rimasta sempre se stessa, fedele al suo animo e alle sue convinzioni.

Vivienne Westwood è stata una punk, un’icona e un’attivista. È stata tutto questo nell’ordine esatto del titolo eppure è stata anche tutte le cose contemporaneamente. E lo è ancora. Poiché, come viene espressamente enunciato alla fine del film, lei è sopra le righe, dirompente, scandalosa… ma non è mai ridicola. Bellissima di una bellezza unica, non canonica, non replicabile. Una donna forte di quella peculiare forza che solo le donne inglesi sanno avere.

Questo non è un punk movie. Questo non è un fashion movie. Non c’è bisogno di dire una parola quando punk lo sei. Quando la moda non la crei, ma la vivi. Una designer come Vivienne Westwood è un’artista a tuttotondo, che ha sempre portato avanti la sua idea e che alla soglia degli ottant’anni non ha alcuna intenzione di ritirarsi – anche perché la sua carica dirompente ha ancora molto da dire e da rappresentare. Se c’è una cosa che questo documentario porta finalmente alla ribalta è che il punk, come movimento generale, non è stato solo quel nichilismo tanto strombazzato, gridato sguaiatamente da persone ignoranti. L’anarchia totale, la provocazione che ha portato il mondo a scandalizzarsi (ma non l’Inghilterra che li ha partoriti e che oggi li ama quanto i reali stessi) hanno alle spalle radici culturali fortissime, strappate via dalle bandiere e dai simboli religiosi di mezzo mondo e shakerate insieme. Perché in natura nulla si crea e nulla si distrugge. Tutto si trasforma. E come non è possibile andare contro la natura, non si può andare nemmeno contro il sistema. I ribelli sono sempre frutto del malcontento prodotto dal sistema stesso, sono i figli discoli, ma il sistema li ama lo stesso. Anche se li schernisce con una risata, come accadeva a Vivienne, prima o poi li riaccoglierà come si fa con il figliol prodigo. E li ringrazierà anche perché avranno portato quel bene prezioso che si chiama progresso.

il trailer di Vivienne Westwood. Punk, Icona, Attivista

About Federica Aliano

Guarda anche

Wolf Call Minaccia in alto mare

Wolf Call – Minaccia in alto mare: Recensione, l’orecchio d’oro della dissuasione nuclare

Wolf Call – Minaccia in alto mare. Diretto da Antonin Baudry (leggi la nostra intervista) …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *