martedì , 16 Luglio 2019
Angelo Maggi intervista: “Addio a Tony Stark e Game of Thrones, ora l’infanzia con Toy Story”

Angelo Maggi intervista: “Addio a Tony Stark e Game of Thrones, ora l’infanzia con Toy Story”

Angelo Maggi, grande voce di Tom Hanks e Robert Downey Jr. ci racconta la fine delle avventure con la Marvel e Game of Thrones, ma anche il nuovo viaggio come Woody in Toy Story 4.

Il mondo di Toy Story è un mondo magico, in cui anche i giocattoli acquisiscono una grande umanità. Woody è una persona leale, una persona sempre buona è mai fuori dagli schemi. Molto diverso per certi aspetti dal sempre scherzoso e multimiliardario Tony Stark, ma da questo nuovo capitolo hanno qualcosa ad unirli: la straordinaria voce di Angelo Maggi.

Se l’arte del doppiaggio in Italia tocca vette di eccellenza uniche Angelo Maggi ne è uno dei portabandiera più meritevoli, capace di rendere fruibili in lingua italiana sempre con grande professionalità e passione le voci di interpreti straordinari come Tom Hanks e Robert Downey Jr. Lo abbiamo incontrato per una chiacchierata in cui ci ha parlato delle emozioni per la fine di due viaggi decennali, quelli come Iron Man e Ser Jorah Mormont in Game of Thrones, ma sempre con il sorriso e la consapevole di nuove grandi sfide che in arrivo come quella in cui, suo malgrado, è stato chiamato alla sostituzione forzata del suo amico Fabrizio Frizzi nei panni del cowboy Woody. A seguire la video intervista completa e poi la parte testuale.

Angelo tu sei un grande doppiatore, ma per noi sei e sarai probabilmente sempre Tony Stark. Come ti senti ora che si è concluso definitivamente questo lungo viaggio?

“Sono triste, sono triste perché è la fine. Tante fini ci sono state nella mia vita, è una delle tante cose che finiscono. È finito il dottor Cox di Scrubs molto amato, così è arrivata anche questa fine. Mi piace anche dire però che come è finita l’epoca degli Avengers e di Iron Man, per ora attenzione, è nata un’altra avventura meravigliosa con la Disney: l’avventura di Toy Story, l’avventura di Woody. Ricordo sempre la splendida prova del mio amico Fabrizio Frizzi, a cui ho dedicato tutto il mio lavoro, ma è stata una bellissima esperienza che mi ha avvicinateo al mondo dell’infanzia. I bambini appassionati mi chiedono di fargli Woody e vedo che c’è molto affetto, questo mi fa piacere perché io amo circondarmi di giovani anche nel mio spettacolo “Il Doppiattore”. Sono sempre il più vecchiotto (ride ndr). Ho scoperto davvero un mondo con Toy Story, si è chiusa quindi una porta e se ne è aperta un’altra”.

Permettimi di dirti che ho intervistato più volte Fabrizio ed era una persona straordinaria, te sei riuscito a rendere Woody malinconico come doveva essere in Toy Story 4 e lui sarebbe molto orgoglioso di te.

“Sentirmi dire che Fabrizio sarebbe stato fiero del mio lavoro è la cosa più bella da sentire per me. Vorrei solo questo, perché poi – anche se è una parola molto grossa – eravamo amici perché abbiamo giocato a calcio insieme e facevamo anche le trasferte. Ci consociavamo bene con Fabrizio che era, anzi è, una persona meravigliosa. Quando sono di cattivo umore ripenso alla sua risata contagiosa, era uno scoppio che ti faceva venire il buon umore e ti predisponeva ad un dialogo di un certo tipo. Non è stato facile prendere la sua eredità, però l’ho fatto ricordandolo dedicandogli tutto il mio lavoro. 

Un altro lungo viaggio decennale che si è concluso è quello in Game of Thrones, hai dovuto dire addio anche a Ser Jorah Mormont.

“Un’altra delle grandi cose che sono finite è stato Il Trono di Spade. Jorah Mormont è stato un personaggio bellissimo che mi ha accompagnato per dieci lunghi anni. Anche lì c’è stata una fine con una morte gloriosa, l’ho amato tantissimo. Spero davvero un giorno di poter conoscere Ian Glen, un attore che ho doppiato anche altre volte, anche se ovviamente il Trono di Spade mi ha legato a lui”.

Eri un fan prima di iniziare la serie? Che ne pensi del contestato finale?

“Non ero un fan del trono di spade, ora lo sono diventato. Quando l’ho doppiato in tutti questi anni non lo guardavo, perché non c’era il tempo. Poi me lo sono guardato tutto su Sky di seguito ed è stato come rivivere una grande emozione racchiusa in poco tempo. L’ho amato tantissimo e la trovò una delle serie più belle e più riuscite, è chiaro che devi amare un po’ il genere fantasy, ma credo davvero che sia una delle più riuscite degli ultimi 30 anni”.

Durante la puntata di RID 96.8 avevamo già posto qualche domanda ad Angelo sulle difficoltà del doppiaggio di Sir Jorah con i tempi strettissimi delle ultime stagioni.

In diretta a RID 96.8 FM con Angelo Maggi, fateci le vostre domande che Sir Jorah è qui per voi!

Pubblicato da Il trono di spade su Giovedì 4 luglio 2019

Ringraziamo moltissimo Angelo Maggi e speriamo di rivederlo prestissimo! Potete continuare a seguirlo sul suo profilo Instagram ufficiale e sulla sua pagina Facebook.

About Thomas Cardinali

Guarda anche

21d6820e 0ddd 4822 9ddf b272aaf6b1e4 310x165

Il Re Leone: Marco Mengoni e Elisa raccontano l’avventura con Disney

Il Re Leone è pronto a rivivere al cinema in una nuova versione in CGI …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *