martedì , 18 Giugno 2019
Arrestato per furto aggravato Marco Carta a Milano

Arrestato per furto aggravato Marco Carta a Milano

Marco Carta, ex vincitore di Amici e di Sanremo, è stato arrestato ieri sera a Milano dopo un furto alla Rinascente di Piazza Duomo.

Guai giudiziari per Marco Carta, che il prossimo 21 giugno rilascerà il suo nuovo album “Bagagli leggeri” che segue il singolo “Io ti riconosco”, il primo dopo il coming out durante la trasmissione “Domenica Live”, con il quale cerca di tornare in vetta alle classifiche dopo gli ultimi insuccessi. Un periodo non facile per l’ex stella di “Amici“, che era riuscito anche a trionfare al “Festival di Sanremo”. L’ultima notizia clamorosa è l’arresto ieri sera a Milano per furto aggravato alla Rinascente in Piazza Duomo.

marco carta
Marco Carta agli arresti domiciliari

Marco Carta, come riporta l’Ansa, è stato fermato ieri sera, insieme a una donna di 53 anni, per furto aggravato presso il prestigioso negozio della città meneghina. Stava uscendo dal grande magazzino con sei magliette del valore di 1.200 euro a cui aveva tolto l’antitaccheggio, ma non la placchetta flessibile che ha suonato all’uscita. Arrestato dalla Polizia locale, per il vincitore di Sanremo, Amici e Tale e Quale Show, 34 anni, ieri sera sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Staremo a vedere come questa nuova disavventura extra musicale influenzerà la promozione del nuovo album del cantante, che doveva partire proprio nelle prossime settimane. Non sono ancora arrivate dichiarazioni ufficiali né dall’artista, né dalla sua etichetta discografica per fare chiarezza con quanto accaduto a Milano nelle ultime ore, intanto si susseguono le reazioni sui social dopo che si è diffusa la notizia del clamoroso arresto dell’ex stella lanciata dal talent di Maria De Filippi.

About Thomas Cardinali

Check Also

Marcelo Burlon

Marcelo Burlon: “Madonna, sei cessa”, poi arrivano le scuse

Marcelo Burlon insulta Madonna su Instagram. Il post, rimosso successivamente dallo stilista, arriva prima delle scuse. Ecco cos'è successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *