J-Ax e Fedez ft. Sergio Sylvestre: a Radio Italia Live presentano “L’Italia per me”

Giugno 30, 2017 di Francesca Critelli

J-Ax e Fedez si esibiscono insieme a Sergio Sylvestre sulle notte de “L’Italia per me” alla sesta edizione di Radio Italia Live a Palermo, ecco la sua incredibile esibizione al Foro Italico. Guardala!

Radio Italia Live è finalmente giunto alla sua sesta edizione, quest’anno con un doppio appuntamento. La data milanese, svoltasi il 18 giugno ai piedi del Duomo, ha visto esibirsi: Alessandra AmorosoBenji & Fede, Andrea Bocelli, Emma, Francesco Gabbani, Giorgia, J-AX & Fedez, Fiorella Mannoia, Nek, Samuel, Umberto Tozzi, Elodie, Lele e l’ospite internazionale Anastacia. Questa sera Radio Italia Live si trasferisce invece al Foro Italico di Palermo. A cantare saranno Alessio Bernabei, Gigi D’Alessio, Lorenzo Fragola, Francesco Gabbani, J-AX & Fedez, Nek, Eros Ramazzotti, Francesco Renga, Samuel, Le Vibrazioni, Nina Zilli, Marianne Mirage e Sergio Sylvestre. Ospite internazionale Bob Sinclair.

cast_radioitalialive4

Uno show dalla durata di tre ore che vede alternarsi gli artisti più in voga del momento, ognuno dei quali porta sul palco tre brani. A condurre Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu. Radio Italia Live è in diretta su Real TimeNOVERadio ItaliaRadio Italia Tv (canale 70 DTT e 35 TvSat, in HD can 570 DTT, 725 SKY, 135 TvSat ) e in streaming audio/video su radioitalia.it.

Ecco l’esibizione dei rapper con il vincitore della scorsa edizione di Amici Radio Italia Live che cantano “L’italia per me”.

J-Ax e Fedez ft. Sergio Sylvestre – L’Italia per me (Testo)

Né ricchi né poveri
Siamo nati nel mezzo
Io e mio fratello sul letto a castello
Casa umile fuori tirata a lucido dentro
Quando me ne sono andato m’è rimasto l’accento
Dialetto del nord con la cadenza di giù
La polenta e il salame
Col kebab e il cous cous
Quando penso a lei mi manca non per la Costa Smeralda
Ma per ogni estate la vacanza dai parenti del sud
Non è il politico che dice prima agli italiani
Non conta se ci nasci conta se la ami
Non è farsi i selfie con la Ferrari
È un bambino che si sente Valentino mentre schiaccia sui pedali
Non è il saluto a braccio teso allo stadio
È Samantha che ci crede e arriva fino allo spazio
Non è l’abito firmato d’alta moda
È mio padre che ha firmato le Cambiali per i miei libri di scuola
È il primo bacio dato il pomeriggio al luna park
Ti fai il caffè più buono anche nei peggiori bar
E quando vado via so che lei rimane dentro me
È una canzone di De Andrè, so a memoria le parole neanche so perché
Questa è l’Italia per me
Questa è l’Italia per me
Questa è l’Italia per me
Graffiti come sfondo nato in una frazione di Milano
Cresciuto in una frazione di secondo
Le tipe truccate come commesse di Moschino
E noi per piacere a loro truccavamo il motorino
Il tricolore impolverato appeso in bidelleria
Ogni ricordo è una boccata d’aria di periferia
Quando non si andava a scuola per gli scioperi
Il primo corteo che mi torna in mente con l’odore dei fumogeni
Guardavo i figli ricchi col Montgomery pensando
Non possono permettersi il lusso di essere poveri
Non è il clientelismo di chi salta le file
Ma mia nonna che quando fa i conti parla ancora in lire
Sono le tende di Emergency e la strada vicino
Non è Gianluca Vacchi e i calciatori da giardino
Non è il centro commerciale costruito con l’appalto
Ma il centro sociale che mi ha dato voce sopra un palco
È il primo bacio dato il pomeriggio al luna park
Ti fai il caffè più buono anche nei peggiori bar
E quando vado via so che lei rimane dentro me
È una canzone di De Andrè, so a memoria le parole neanche so perché
Non è il pusher di quartiere con il poster del padrino
È mia mamma col santino di Falcone e Borsellino
Non è una volta all’anno tifare la nazionale
È la tua squadra di calcetto che arriva in semifinale
Da ladri di bicicletta a ladri di mazzette
E forse più che un antifurto servirebbe un anti furbo
Per me rimarrà la penisola che non c’è
La amo e la odio
Questa è l’Italia per me
È il primo bacio dato il pomeriggio al luna park
Ti fai il caffè più buono anche nei peggiori bar
E quando vado via so che lei rimane dentro me
È una canzone di De Andrè, so a memoria le parole neanche so perché
Questa è l’Italia per me
Questa è l’Italia per me
Questa è l’Italia per me

Segui su facebook la pagina Tutto è Musica.

COMMENTI