Westworld 2×09 – Recensione dell’episodio “Vanishing Point”

Giugno 18, 2018 di Manuela Cristiano

Westworld 2×09

Ecco la nostra recensione del nono episodio di Westworld 2 andato in onda su Sky Atlantic dal titolo “Vanishing Point” (Punto di Fuga)
Settimana scorsa nel’ ottavo episodio di Westworld 2 dal titolo “Kiksuya” (Ricordare) siamo stati trasportati nella storia del mondo della nazione fantasma, in particolare sulla vita di Akecheta (Zahn McClarnon), con gran parte della puntata era parlata in Lakota una lingua Sioux dei nativi americani.
Questa settimana siamo arrivati veramente agli sgoccioli, al penultimo episodio prima della conclusione di questa seconda stagione di Westorld, ma non siamo ancora in grado di tirare le somme, perchè non ancora giunti all’ultima fermata, al capolinea.

Westworld 2×09
Westworld 2×09

Il nono episodio di Westworld 2 si intitola “Vanishing Point” (Punto di Fuga). Il Punto di Fuga può assumere diversi significati ed entrambi si possono ricollegare a questa Serie Televisiva. In arte, nella prospettiva il punto di fuga è un punto verso il quale le linee parallele sembrano convergere quindi ricollegandolo a Westworld potremmo ipotizzare che siamo arrivati al punto in cui le trame dei vari personaggi convergono e sappiamo che sono quasi tutti diretti nella valle, oppure in altro ambito indica il punto in cui qualcosa finisce, termina e possiamo collegarlo in due momenti che vedremo successivamente in questa recensione.

L’Uomo in Nero è il protagonista assoluto di questo nono episodio di Westworld 2

Il protagonista assoluto di questo nono episodio di Westworld 2 è senza ombra di dubbio William, dove riusciamo a capire le motivazioni, le sue battaglie interiori, che hanno portato l’uomo ad abbracciare due personalità completamente diverse all’interno di se stesso: quella del magnate generoso, con una bella famiglia di facciata e lo spietato assassino freddo e violento all’interno del parco di Westworld.
Per quanto abbia provato a costruire un muro per separare le due personalità, sua moglie che viveva accanto a lui è riuscita a scoprirlo, rimanendone colpita profondamente, tanto da farla cadere prima nell’alcolismo e poi nel suicidio come unica via di fuga possibile dall’orrore generato, dalla conoscenza della verità.

“Se continui a fingere, non ricorderai più chi sei realmente”

E ora William è ferito, nelle mani di sua figlia che l’aveva recuperato dagli abitanti della Nazione Fantasma, dove possiamo finalmente assistere ad un vero e proprio confronto tra i due. Emily chiede dei chiarimenti al padre in merito ai piani della Delos, come se fosse alla ricerca della vita eterna fingendo di volerne prendere parte, ma in realtà il suo vero scopo è scoprire le vere ragioni che hanno portato la madre a suicidarsi
Questo confronto è un fallimento su tutta la linea, William è in preda ai deliri, sempre più convinto che Emily sia un Host mandato da Ford come ostacolo al compimento della sua missione e mentre lei cerca di rassicurarlo, lui ormai sopraffatto dalla paranoia commette un gesto impensabile: spara a sua figlia, al suo stesso sangue. Non abbiamo la conferma della sua morte ma sembra molto probabile che l’ultimo legame con il mondo esterno dell’Uomo in Nero sia andato perduto e con esso anche la sua ragione.

Westworld 2×09
Westworld 2×09

La rivelazione di Bernard in questo nono episodio di Westworld 2

Se in precedenza avevamo scoperto il ruolo ed il contenuto della Culla con la sua successiva distruzione, ora grazie ad un dialogo tra  Bernard ed Elsie veniamo a conoscenza del fatto che in Westworld  il luogo misterioso al di la’ della collina viene chiamato “The Forge” La Fucina, un edificio dove vengono replicate le cognizioni di tutti i visitatori che sono stati all’interno dei parchi, ora messi a nudo sotto forma di codice in un’enorme server molto più grande della Culla.
Bernard sa che tutti gli host sono diretti proprio lì, quindi vuole arrivare prima di loro per riuscire a metterla in sicurezza ed usarla a suo vantaggio per porre fine alla guerra tra umani e Host. Non solo, decide di abbandonare Elsie, per paura di poterle fare del male a causa di Ford, Per quanto Bernard abbia provato ad eliminare i dati (la presenza di Ford nella sua testa) è impensabile che Robert non abbia un piano di riserva, è sempre il burattinaio di Westworld dopotutto.

Continua a pagina due per scoprire cosa succede a Maeve, Dolores in questo nono episodio di Westworld 2

Maeve, Dolores in questo nono episodio di Westworld 2

Dopo le toccanti parole di Lee Sizemore della settimana scorsa rivolte a Maeve, con il nono episodio di Westworld 2 ritroviamo la nostra matrona del Mariposa sempre più ridotta a cavia di laboratorio ed in uno stato remissivo. D’altronde il suo unico scopo era quello di mettere sua figlia in salvo, sacrificando tutto per ottenerlo e ora che Akecheta, le ha promesso che avrebbe badato lui alla bambina, Maeve non trova ulteriori ragioni per combattere.
Ma per quanto sia doloroso vedere Maeve in quello stato, è proprio il Dott Ford con la sua visita a darci la speranza che presto la matrona sarà pronta a rialzarsi e a far pagare a tutti quello che le hanno fatto. Intanto per ora, nessuna traccia del resto della sua combriccola, speriamo riescano a raggiungerla presto, magari nel prossimo episodio dato che è il finale della seconda stagione di Westworld

Westworld 2×09
Westworld 2×09

“Tu, Maeve eri la mia preferita. Non e’ facile stare a guardare mentre i tuoi figli muoiono. Tu sei quanto di piu’ simile a una figlia che io abbia avuto, ma comunque, ti ho sottovalutata. Sei rimasta qui in questo mondo per salvare tua figlia e cosi’ anch’io”

Dolores e Teddy quando l’amore non basta

Il punto di fuga, se vogliamo intenderlo come punto di chiusura in questo nono episodio di Westworld 2 avviene non solo per William e sua figlia, ma accade anche tra una coppia storica, quella di Dolores e Teddy. 
Teddy si è finalmente svegliato, l’ha fatto da solo e da autocosciente ricorda tutto il suo passato in Westworld, persino la prima volta che i suoi occhi hanno incrociato quelli di Dolores, innamorandosene all’istante, ricorda il suo animo nobile la sua personalità gentile ma soprattutto ricorda di come tutti gli aspetti che formavano la sua persona siano stati spazzati via, per far posto ad uno spietato assassino privo di emozioni grazie ai cambiamenti attuati da Dolores.
E qui che la soluzione estrema di Teddy, il suo suicidio, assume un significato importante in Westworld, oltre sul piano emotivo, anche quello simbolico. Teddy non può più proteggere Dolores perchè è diventata il nemico di se stessa, arrivata ad un punto di non ritorno e lui, non può accettare il mostro in cui lei l’ha trasformato, come la moglie di William non poteva accettare quello che era diventata a causa del marito.
Entrambi vedono il suicidio come unico punto di fuga.
 

Westworld 2×09
Westworld 2×09

In conclusione potremmo dire che questo nono episodio di Westworld 2 come i precedenti è di alta qualità con un livello recitativo ed una regia a dir poco impeccabili. Per ora le varie pedine sono state sistemate in attesa della battaglia finale che si preannuncia essere spettacolare. Intanto continuo a chiedermi William è un Host? E voi cosa ne pensate di questa puntata di Westworld? Siete pronti per il finale?
 

Di seguito il promo del season finale di Westworld dal titolo “The Passenger”


 
 

La seconda stagione di Westworld, in Italia in onda su Sky Atlantic il giorno dopo la messa in onda americana e dalla settimana successiva doppiata in italiano.

Per rimanere sempre aggiornati su Westworld potete passare dalla pagina westworld Italia FanPage e dal gruppo facebook Punto Sky Italia

 

COMMENTI