Westworld 2: Bagni di sangue e altri spoiler sulla seconda stagione

Settembre 21, 2017 di Clarissa Cusimano

westworld 2

Lisa Joy e Jonathan Nolan forniscono qualche indizio sul bagno di sangue che avverrà nella seconda stagione di Westworld, mentre Tessa Thompson parla della rivoluzione femminista.
L’attesissima seconda stagione di Westworld arriverà probabilmente durante la primavera 2018. Troppo tardi, secondo i fan, che ammettono comunque si tratti di una serie tv complessa che andrebbe curata sotto ogni aspetto. La pensano così anche gli showrunner Lisa Joy e Jonathan Nolan, che sono stati intervistati agli Emmy 2017 da TVLine, magazine al quale hanno fornito importantissimi dettagli sulla seconda stagione di Westworld.
westworld 2
Jonathan Nolan ha raccontato di aver affidato alla moglie Lisa Joy il compito di dirigere il quarto episodio della seconda stagione di Westworld. Si trattava di un episodio pacato, che però la Joy ha trasformato in un vero e proprio bagno di sangue: “Hai reso quell’episodio molto più violento e inquietante di quanto abbiamo mai voluto.” – ha rivelato Nolan, parlando con la moglie durante l’intervista. A differenza di come accade in Game Of Thrones, potremmo non perdere nessuno dei protagonisti durante il bagno di sangue, visto vengono semplicemente riprogrammati dallo staff: eppure, molti stanno paragonando sempre di più Westworld al colosso HBO sia per la violenza nuda e cruda che per un secondo motivo.

L’altro motivo sarebbe il ruolo rilevante ricoperto dalle donne, che diventerà sempre più importante nella seconda stagione di Westworld. A rivelarlo è Tessa Thompson, che in Westworld interpreta Charlotte Hale, uno dei direttori esecutivi del Consiglio, inviato a sorvegliare le operazioni di Westworld. L’attrice ha raccontato, durante un’intervista a Elle, che le donne avranno il vero potere in questa prossima stagione, attuando una vera e propria rivoluzione femminista.

“Credo che le donne reggano il mondo nel parco in questa stagione. Si tratta di tutte le donne e penso che potrebbe essere uno spettacolo molto femminista in realtà.”

Deduciamo, quindi, che potrebbe acquistare sempre più importanza il personaggio interpretato da Evan Rachel Wood, ma allo stesso tempo speriamo possa esserci spazio per l’amatissimo Anthony Hopkins.

COMMENTI