Westworld 2: Nolan e Joy confermano la teoria della mente bicamerale di Dolores

Agosto 19, 2017 di Clarissa Cusimano

westworld

In vista degli Emmy Awards, Jonathan Nolan e Lisa Joy hanno svelato alcuni dettagli sull’episodio di Westworld “The Bicameral Mind” in gara. E’ stata confermata la teoria della mente bicamerale di Dolores.
Dopo la conclusione della prima stagione di Westworld, circolavano sul web teorie riguardo la mente bicamerale. Si tratta di formulazioni prese dall’opera del 1976, chiamata Il crollo della mente bicamerale e l’origine della coscienza, scritta dallo psicologo statunitense Julian Jaynes. Egli racconta di un periodo storico nel quale gli umani agivano guidati da allucinazioni sensoriali, dalla “voce degli dèi”, il cui volere veniva messo in pratica dalla parte esecutiva. La teoria della mente bicamerale è stata adesso finalmente confermata da Nolan e Joy.

Script westworld
Copione di Westworld

L’immagine in alto mostra parte del copione dell’episodio conclusivo della stagione di Westworld, chiamato “The Bicameral Mind”. La puntata in questione è in gara agli Emmy ed è per tale ragione che gli showrunner Jonathan Nolan e Lisa Joy hanno deciso di svelare alcuni dettagli al riguardo. L’episodio è sicuramente incentrato sul cambiamento di Dolores ed è per questo che i registi hanno parlato molto della Abernathy con il magazine Hollywood Reporter.
Innanzitutto i due registi svelano di aver studiato le opere degli scrittori Daniel Dennett, Marvin Minsky, Douglas Hofstadter e, appunto, Julian Jaynes, confermando il pensiero dei fan di Westworld. Questi scrittori e studiosi hanno fatto loro da guida per la realizzazione della serie e sopratutto di “The Bicameral Mind“. E’ proprio nella puntata di fine stagione che, infatti, emergono i più vividi cambiamenti di Dolores Abernathy, che si trasforma da dolce donzella bisognosa di aiuto in abile combattente aizzatrice delle folle.
Nonostante siano visibili anche i cambiamenti dei personaggi interpretati da Anthony Hopkins e da Ed Harris (il primo rivela ogni cosa riguardo Westworld e il secondo si rende conto che Ford non abbandonerà mai il controllo del sistema, cambiando le regole del gioco), Dolores Abernathy rimane la vera protagonista del mutamento e della teoria della mente bicamerale.
westworld
Westworld

Gli showrunner di Westworld, aiutati dai costumisti, hanno voluto mostrare il cambiamento della donna anche attraverso gli abiti: all’inizio di Westworld, infatti, Dolores (Evan Rachel Wood) indossa il suo abito blu, simbolo dell’innocenza e della purezza; successivamente, a metà stagione, indossa dei pantaloni che le facilitano i movimenti e che rivelano il suo reale animo da combattente; alla fine di Westworld, invece, ritorna con la sua mise originaria, mostrando come anche una dolce figlia di ranchers può farsi paladina della libertà.
C’è da dire, però, che non si tratta di un reale cambiamento, visto ci troviamo in linee temporali sfasate di Westworld: è stato in passato, infatti, che Arnold, volendo disperatamente fermare l’apertura del parco, ha fuso la programmazione di Dolores con quella di Wyatt, il cattivo che non avevano ancora costruito. Usando il fonografo, ha attivato la programmazione che ha permesso a Dolores di iniziare a uccidere. E’ per questa ragione, in realtà, che Dolores assume caratteristiche così spietate alla fine di Westworld.

COMMENTI