Venezia 76: Joker Leone D’Oro storico, tutti i vincitori

Settembre 7, 2019 di Thomas Cardinali

Tutti i vincitori del concorso Venezia 76 e delle altre sezioni

Si è chiuso il sipario sul Festival di Venezia 76 e sono stati assegnati i vari premi tra cui l’attesissimo Leone D’Oro. I film favoriti erano  J’Accuse di Roman Polanski, Joker di Todd Phillips e Martin Eden di Pietro Marcello e le attese non sono state disattese. Una mostra ricchissima che ha regalato film attesissimi e gioielli sorprendenti, a cui i giudizi delle varie giurie hanno reso giustizia interpretando molton anche il gusto di pubblico e critica.

Il Leone d’Oro a Joker è già storia del cinema. Mai un cosiddetto cinecomic era andato così in alto ad un festival internazionale, stavolta però ci ha pensato Todd Phillips regalandoci un’opera straordinaria. Gran parte del merito va al protagonista Joaquin Phoenix, ma è tutto in Joker ad averlo reso sin da subito un vero colpo di fulmine a questa Venezia 76. La grande sorpresa è Luca Marinelli vincitore della Coppa Volpi che dedica ai migranti, così come l’attrice francese Ariane Ascaride.

Tantissimi applausi per il Gran Premio della Giuria a  “J’Accuse” di Romain Polanski ritirato da Emanuelle Segnier, ma anche per il giovanissimo Toby Wallace di “Babyteeth”. Altre sorprese sono la regia a Roy Andersson e il premio speciale a “La Mafia non è più quella di una volta”. Tanti premi anche nelle altre sezioni, ma nella città del Casinò tra le gondole è spuntato il Joker vincente, con la risata di Joaquin Phoenix e un Leone d’Oro baciato da Todd Phillips che forse domani si renderà conto di aver segnato un punto di non ritorno.

I premi di Venezia Classici

Premio miglior documentario Venezia Classici a “Babenco ” di Barbara Paz.

Miglior Restauro a “Exstase” di Gustav Machaty

Premi  Virtual Reality

Miglior Storia VR a Joel Kachi Benson per “Daughters of Chibok”

Miglior esperienza VR a Ricardo Laganaro per “A Linha”.

Miglior Virtual Reality Venezia 76 a Celin Tricart a “The Key”

Premio Opera Prima  Leone del Futuro

Il Leone del futuro miglior opera prima va “You will die at 20” di Amjad Abu Alala. Oltre al premio Filmauro consegna anche 100 mila euro di assegno a regista e produttore.

Orizzonti

Miglior Cortometraggio va  a “Darling” di Saim Sadiq

Miglior Sceneggiatura va a Jessica Palud, Philippe Lioret e Diasteme per “Revenir”

Miglior interpretazione maschile va a Sami Bouajila per “Un Fils”.

Miglior interpretazioni femminile va a Marta Nieto per “Madre”.

Premio Speciale della giuria a Verdict d Raymond Ribay Gutierrez

Miglior Regia a Theo Court per “Blanco en Blanco”.

Miglior Film a “Atlantis” di Valntyn Vasyanovych.

Venezia 76

Premio Marcello Mastroianni va a Toby Wallace per “Babyteeth”.

Premio Speciale a “La Mafia non è più quella di una volta” di Franco Maresco, ritira il premio Rean Mazzone.

Premio Miglior Sceneggiatura a Yonfan per “No. 7 Charry Lane” .

Miglior interpretazione maschile a Luca Marinelli per “Martin Eden”.

“parlo in italiano per dire qualcosa di sensato, ringrazio il Festival e la giuria perché è un’emozione gigantesca è una situazione assurda. Io vado avanti prima che vi rendiate conto dell’errore che avete fatto. Vorrei ringraziare Pietro Marcello, il mio regista che mi ha lasciato gradualmente scoprire la sua anima e sono rimasto abbagliato. Ringrazio mia moglie. Due meravigliosi figli che accarezzano la mia anima, dedico questo premio a chi dedica il tempo a salvare le persone in mare”.

Miglior interpretazione femminile a Ariane Ascaride per “Gloria Mundi”.

“sono figlia di migranti italiani che hanno fatto dei viaggi per trovare la fortuna, sono arrivati a Marsiglia e io sono nata lì. Questo premio mi da la possibilità di ritrovare le mie radici, io ho la ricchezza di essere figlia di stranieri e sono francese. Anche io dico che questo premio è per tutti quelli che dormono per l’eternita nel Mediterraneo”.

Miglior regia a Roy Andersson per “About Endless”

Gran Premio della Giuria a “J’Accuse” di Romain Polanski.

Leone d’Oro al miglior film va a “Joker” di Todd Phillips.

COMMENTI