Venezia 73: Eastwood, Scorsese e Burton guidano i grandi assenti

Luglio 30, 2016 di Thomas Cardinali

I tre grandi cineasti erano dati tra i papabili selezionati per la Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia, scopri di più sulla loro esclusione su Talky!
 
Nella splendida cornice dell’Hotel Excelsior di Via Veneto a Roma è andata in scena la conferenza stampa di presentazione della 73esima Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia. Alla lettura del programma, che ha com’era pronosticabile alla vigilia, spaccato l’opinione della critica, i mugugni principali sono stati sull’assenza di tre grandissimi nomi: Martin Scorsese, Clint Eastwood e Tim Burton non sfileranno sul tappeto rosso del Lido. Il Direttore Artistico del Festival Alberto Barbera ha dovuto rispondere alla prima domanda proprio sull’assenza del premio Oscar per “The Departed”: “Martin Scorsese termina i film un giorno prima dell’uscita in sala e Silence non è ponto”. Non ci sarà quindi il regista che dopo il forfait dell’ultimo minuto per l’edizione del 2015 dovrà rinviare ancora una volta il suo ritorno in laguna.

Non c’è soltanto però Martin Scorsese come grande assente, dato che alla vigilia era data per scontata la presenza di uno degli autori più amati in Italia come Clint Eastwood. Alberto Barbera è parso davvero rassegnato quando ha dovuto spiegare il gran rifiuto: “Sully sarà pronto a breve e avremmo voluto portarlo al Festival, ma Clint Eastwood non si muove più dagli Stati Uniti e rifiuta qualsiasi invito. La Warner ci ha poi comunicato che nessun membro del cast avrebbe potuto essere presente e per questo motivo hanno preferito rinunciare a qualsiasi tipo di promozione”. Silenzio assoluto invece su Tim Burton e il suo “La casa per bambini speciali di Miss Peregrine”, che non figura nell’elenco dopo essere stato dato per certo ed escluso senza neanche domande dalla stampa. Il Festival di Venezia sarebbe potuto essere veramente ricco con uno di questi tre autori, ma la speranza è che i film selezionati non ci facciano rimpiangere i grandi maestri.
 

COMMENTI