Netflix, Steven Spielberg smentisce la crociata anti-streaming per gli Oscar

Marzo 10, 2019 di Thomas Cardinali

Nelle ultime settimane avevano fatto molto rumore presunte dichiarazioni di Steven Spielberg contro Netflix nella questione Oscar, ma ora arriva la smentita tramite l’amico Jeffrey Katzenberg.

I premi Oscar di quest’anno sono stati travolti da molte polemiche, uno su tutti la questione Netflix e la sconfitta di “Roma” nella categoria del miglior film a vantaggio di “. Fondamentale per molti nel sorpasso finale è stato a pochi giorni dalla chiusura delle votazioni l’endorsment di Steven Spielberg, che ha dichiarato pubblicamente il suo sostegno al film con protagonista Viggo Mortensen.

Sarebbero poi state attribuite a Steven Spielberg dichiarazioni contro Netflix, definito come il male del cinema e che nel prossimo board dell’Academy avrebbe presentato un piano per escludere in futuro i film creati per lo streaming dalla corsa agli Oscar.

Jeffrey Katzenberg è amico e collaboratore di Steven Spielberg

Tutto questo non ha fatto altro che aumentare le discussioni sulla querelle Netflix-Oscar, con conseguente imbarazzo per il regista di capolavori come “E.T”. Ora però arriva una smentita sulla sostanza delle sue dichiarazioni tramite Jeffrey Katzenberg, co-fondatore con Spielberg della DreamWorks che ha recentemente visitato il festival SXSW ad Austin. Secondo The Hollywood Reporter, Katzenberg ha sentito proprio su questo argomento l’amico che è parso stupito del vespaio che si è creato:

“Ho parlato con Steven di questo ieri e sono stato molto specifico, ma lui mi ha detto. ‘Non ho assolutamente detto questo. In realtà non ha detto niente’. Quello che è successo è che un giornalista era su questo rumor attribuito a Steven. Hanno chiamato un portavoce per ottenere un commento e lo hanno semplicemente distorto. Uno, Steven non ha detto questo, e due, non andrà all’Accademia ad aprile con il piano che è stato descritto. Lui non ha espresso un’opinione sulla vicenda e quindi non si è allineato a nessuno dei due fronti”.

Quest’anno, Netflix è stato rappresentato agli Academy Awards dalla Roma di Alfonso Cuaron. Il film è stato il primo film di Netflix ad ottenere una nomination all’Oscar come miglior film. Sebbene il film abbia perso il premio per il controverso film Green Book, è comunque riuscito a guadagnare diversi Oscar tra cui il miglior regista, la migliore fotografia e il miglior film straniero.

Per Steven Spielberg gli Oscar 2019 sono stati molto amari dato che è stato candidato solamente nella categoria miglior effetti visivi con il suo “Ready Palyer One”, ma la statuetta è andata a “Il Primo Uomo” di Damien Chazelle.

COMMENTI