Mulholland Drive alle 23:35 su IRIS: 10 curiosità sul film di David Lynch

Giugno 4, 2017 di albertodelforno

Mulholland Drive è il film di questa sera. Su Iris, a partire dalle 23:35 potremo gustarci il capolavoro di David Lynch con protagoniste Naomi Watts e Laura Harring.
Mulholland Drive è il film summa di tutta la cinematografia di David Lynch. Un’opera rivoluzionaria ed anticonformista che si potrebbe per montaggio, musiche e sceneggiatura accostare tranquillamente al Memento di Christoper Nolan. Noi per l’occasione, anche se “confusi” dal film, abbiamo sfoderato 10 curiocità “al bacio”. Siete pronti per scoprire tutti i segreti di uno dei migliori film del nuovo millennio?
Il film di Lynch può essere suddiviso in tre piani narrativi, che sono anche stati di coscienza della protagonista:

  1. LA REALTÀ: Quello che è mostrato è quello che succede. In questo stato, è possibile capire con chiarezza lo svolgimento.
  2. IL SOGNO: Quello che è mostrato è ciò che avviene nella mente della protagonista che in sogno rigenera i suoi ricordi secondo il proprio punto di vista. In questo stato, la mente è ancora in grado di risalire allo svolgimento effettivo, e c’è ancora un appiglio con la realtà.
  3. IL SUBCONSCIO/SOGNO PROFONDO: Quello che è mostrato appartiene alle profondità della mente della protagonista , ovvero è la proiezione del suo subconscio. Non ci è dato capire cosa succede davvero, perché la mente “razionale” non lo può elaborare.

Il film

Mulholland drive, david lynch, film
In conseguenza di un incidente automobilistico avvenuto sulla Mulholland Drive di Hollywood, Rita (Laura Harring) perde la memoria. Betty Elms (Naomi Watts), un’attrice appena arrivata dall’Australia in cerca di gloria, cerca di aiutarla a ritrovare memoria e identità.

Lynch snobbato agli oscar

mulholland drive, naomi watts, david lynch, laura harring
Premiato con la Palma d’oro per la miglior regia al 55° Festival di cannes, il film ricevette numerosi premi internazionali senza però esser minimamente notato dall’ Academy. Nell’edizione dei premi oscar del 2002 il film venne candidato solamente in una categoria, quella per la miglior regia a David Lynch.

Un flop al botteghino

mulholland drive, naomi watts, david lynch, laura harring
Nonostante i riconoscimenti, Mulholland Drive riscosse poco successo commerciale, guadagnando appena 7 milioni di dollari ai box office americani, più altri 13 milioni nel resto del mondo. Guadagnò subito lo status di culto  entrando di diritto nelal top 10 dei migliori film del nuovo millennio.

La o1 Distribution/Rai Cinema distribuisce il film

mulholland drive, naomi watts, david lynch, laura harring, locandina
In Italia l’opera di david Lynch non ebbe un percorso facilissimo, a portare in sala il capolavoro del maestro ci penso nel 2002 niente di meno che la Rai con la sua società di distribuzione, fondata da meno di un anno, nel 2001, la 01 distribution. Il film, ora titolo di catalogo della Universal è stato portato in sala proprio da “mamma Rai” che poi si è pentita della scelta (forse per via della scena del bacio?) dimenticandosi con il passare degli anni , di questo titolo. Lo sapevate? Osservate bene la locandina del film e non crederete ai vostri occhi!

La vera Mulholland drive

Mulholland drive, los angeles
Mulholland drive è una celebre strada della città di Los Angeles; essa deve il suo nome all’ingegnere idraulico William Mulholland a cui è stata intitolata.
La strada segue, per una buona parte del suo tratto, il crinale delle Santa Monica Mountains e delle Hollywood Hills collegando due tronconi della U.S. Route 101 e incrociando la Sepulveda Boulevard, il Beverly Glen Boulevard, il Coldwater Canyon, il Laurel Canyon Boulevard, e il Nichols Canyon.
La strada incomincia presso il Cahuenga Pass, e prosegue verso ovest lungo il crinale delle Hollywood Hills e delle Santa Monica Mountains, offrendo al guidatore i panorami di Los Angeles, dell’Hollywood Sign, di Burbank e della San Fernando Valley.

Troppo vecchie per la parte

mulholland drive, naomi watts, laura harring,
Mulholland Drive venne sviluppato nel 1999 come pilot per una serie televisiva che non venne mai prodotta. Furono spesi 8 milioni di dollari, poi la ABC, che aveva commissionato il prodotto, interruppe il progetto perché la puntata pilota era troppo complicata e, come ha ricordato anche lo stesso regista, perché Naomi Watts e Laura Harring sarebbero state troppo “anziane” per interpretare le due protagoniste.  Un anno dopo, la casa di produzione cinematografica francese Studio Canal diede a Lynch ulteriori 7 milioni di dollari per portare a termine il progetto e realizzarne un lungometraggio.

Cosa c’entra Rita Hayworth?

mulholland drive, laura harring,
Il personaggio interpretato dalla conturbante Laura Harring decide di chiamarsi Rita dopo aver visto il poster del film Gilda, lungometraggio diretto nel 1946 da Charles Vidor nonché del ruolo più celebre interpretato da Rita Hayworth.

È o non è Laura Palmer?

mulholland drive, naomi watts, laura harring, laura palmer
Nella scena ambientata al Club Silencio, si può intravedere a lato,in penombra seduta su una delle poltrone del club, un profilo enigmatico di una donna. È o non è Laura Palmer, la protagonista de I segreti di Twin Peaks? Il regista, più volte interpellato sulla quessione, glissa e nega la somiglianza, però, giudicate voi per credere.

La chiave

mulholland drive, chiave blu
La chiave blu che si vede nella prima metá di film é strana e fatta in modo che possa aprire una scatola apposita. Nella seconda parte di film diventa una normale chiave colorata di blu del tutto diversa da prima. Cosa avrà voluto dirci il regista? Oppure si tratta di una semplice “svista”?

Lo script, quello vero

mullholland drive,naomi watts, script
Nella scena dell’audizione Betty riceve da Coco uno script. Lo avete osservato attentamente? Bene, si tratta proprio della sceneggiatura del film , ossia le battute che i due avrebbero dovuto dire in una delle scene del film. Che il regista lo abbia voluto inserire proprio affinche i due si ricordassero delle parole?

Omaggio a “Viale del tramonto”

mulholland drive, sunset boulevard
Omaggio al film Viale del tramonto di Billy Wilder: nella scena in cui la ragazza bruna si aggira confusa dopo l’incidente, viene inquadrato il cartello della strada in cui si trova: “Sunset Boulevard”, anch’essa una celeberrima strada di Los Angeles, proprio come la Mulholland Drive da cui prende il titolo del film.

Errori e bloopers nel film

mulholland drive, naomi watts, laura harring, bacio

  • Quando la ragazza bionda, arrivata all’aeroporto, sta salutando i 2 signori anziani alle sue spalle si vede il baule del taxi che si sta aprendo… nell’inquadratura successiva invece il taxista lo aprira’ nuovamente.
  • Quando il regista viene picchiato a sangue nella sua abitazione, se ben notate, appena esce dalla suddetta ha delle percosse da una parte. Quando entra in macchina ha rivoli di sangue da un’altra
  • Quando Rita scende dalla macchina appena incidentata e si butta per terra, le manca un tacco, ma non appena si rialza e si avvia dentro la macchia, il tacco è ricomparso.
  • Quando Rita/Camilla, la bruna “smemorata”, scopre di essere in pericolo decide di mascherare l’identità indossando una parrucca bionda. La sera l’indossa, poi se la toglie e si stende nel letto dell’amica e si notano benissimo nei primi piani le sopracciglia nere. Le due hanno un rapporto sessuale e si addormentano. Alle 2:00 di notte si svegliano, la ragazza bruna vuole andare in un locale. Arrivano in un teatrino, dove si notano benissimo le sopracciglia non più nere ma castano chiaro, quasi bionde.
  • Quando Betty/Diane arriva per la prima volta a L.A., entra nel cortile della sua futura casa e posa le valigie per parlare con la Manager. Quest’ultima la accompagna in casa senza che nessuna delle due prenda le valigie che stanno sempre nel cortile…Betty arriva a casa e dopo qualche inquadratura…disfa le valigie!
  • Quando Rita e Betty scoprono la borsa piena di soldi decidono di posarla in un posto sicuro.. quindi prendono dall’armaadio una scatola cilindrica, vi tirano fuori un cappellino, vi infilano la borsa, rimettono sopra il cappellino, richiudono e ripondgono la scatola nell’armadio. Quando vanno a riprendere la scatola per cercare la chiave blu tirano fuori la borsa direttamente, senza levare il cappellino che avrebbe dovuto essere sopra di questa.
  • Quando Adam Kesher, il regista, torna a casa e cerca la moglie (che scoprirà poco dopo a letto con l’amante), nelle vetrate dietro di lui si vede il riflesso di un operatore.
  • Nella scena d’amore tra Diane e Camilla sul divano, in un’inquadrature Diane ha la mano sul seno della ragazza, nella successiva la tiene invece sulla spalla.
  • Dopo aver nascosto la borssetta con i soldi nella cappeliera, la bionda prende il cappellino appoggiato sul letto e lo rimette al suo posto, ma nella inquadratura precedente lo teneva in mano.

COMMENTI