venerdì , 23 Agosto 2019
Nordic Film Fest 2019: Recensione, Every Other Couple, divorzi senza confini

Nordic Film Fest 2019: Recensione, Every Other Couple, divorzi senza confini

Nordic Film Fest 2019, giunto alla sua ottava edizione il festival che si tiene a Roma, nato con l’intento di promuovere la cinematografia e la cultura dei Paesi Nordici (Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia). Il film di apertura per questa edizione è stato il documentario diretto dalla regista finlandese Mia Halme, incentrato sui divorzi nel suo paese, raccontandoci delle storie in realtà molto vicine anche per l’Italia tutta Europa.

La mattina di quel giorno non sapevamo che avremmo deciso di lasciarci. Non è stato progettato in alcun modo, ma è stato comunque un momento molto chiaro.” In Finlandia 1 su 2 matrimoni finisce con il divorzio. Tutti conoscono qualcuno che si è divorziato, anche se il divorzio non fa parte della propria esperienza. Il documentario di Mia Halme racconta la storia di coppie che si sono divorziate. Alcuni si ricordano la fine del rapporto con amarezza, altri hanno fatto pace con il passato. Com’è la vita dopo il divorzio? Come funziona il nucleo familiare diviso? Il documentario dà la voce anche ai figli e ai nonni ascoltando le loro esperienze. Tre coppie, tre rotture, sei modi per ricordare.

every other couple 4 940x480

Questa la breve sinossi per un documentario che in realtà colpisce “duro”, la regia di Mia Halme è riuscita, dopo un lungo lavoro di preparazione, ad entrare dentro le case e anche dentro l’anima dei suoi protagonisti, mostrandoci il volto negativo, la sofferenza e le conseguenze del divorzio. In una Finlandia ormai secolarizzata, la durata di matrimoni è sempre più breve, i bambini invece di unire sembrano diventare un’ostacolo. Nulla a che vedere con tragiche storie di omicidi e suicidi che privilegiano la cronaca nostrana, ma che in realtà sono presenti, anche se in misura minore, anche nel paese nordico.

Every Other Couple

In realtà il documentario di Mia Halme mostra , in modo impietoso le conseguenze del divorzio, i problemi, a volte anche di natura economica, le mille difficoltà e i compromessi a cui sono sottoposte le coppia. Alla fine il risultato che percepiamo è che il vecchio adagio “tutto il mondo è paese”, è più che mai valido per questo splendido documentario. che riesce a sintetizzare uno dei maggiori problemi occidentali, ma parlare di tutto il mondo non è esagerato, che risponde alla parola: divorzio.

About Roberto Leofrigio

Guarda anche

il re leone recensione dell adattamento cgi classico disney v24 44596 310x165

Il Re Leone: Recensione del film con le voci di Mengoni e Elisa

Arriva finalmente nelle sale italiane “Il Re Leone” in CGI iper realisticia diretto da Jon …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *