MIm: Marco Mm Mennillo racconta le storie dietro le canzoni con MI minore

Novembre 4, 2019 di Gaia Giovannone

Nonostante i ripetuti consigli di amici e parenti, sono rimasta per lungo tempo estranea al mondo dei podcast. Avevo lasciato la curiosità per questa nuova forma di intrattenimento in fondo alla lista delle cose da recuperare insieme alle serie tv da vedere e ai libri da leggere. Recentemente – per fortuna – qualcosa, o meglio, qualcuno ha fatto ribaltare la lista delle mie priorità.

MIm (si pronuncia MI minore) è un podcast di Marco Mm Mennillo ed è nato per raccontare le storie dietro le canzoni. L’incredibile memoria e l’immensa conoscenza di Marco si rivelano attraverso dettagli e curiosità, aneddoti e approfondimenti. E se “ogni canzone nasconde una storia (o più) da raccontare”, nella sua narrazione si celano l’amore profondo per la musica e la passione per quello che fa cioè condividere l’arte in modo sincero. Il tutto è condito da tanta creatività e una buona dose d’ironia.

Da Hallelujah di Leonard Cohen a Thriller di Michael Jackson passando per Yesterday dei Beatles e molto altro. Sono perciò presi in analisi, tra gli altri, quei pezzi che sembrano accompagnarci da sempre, quei brani che sembrano esistere da così tanto tempo che forse non abbiamo mai davvero fatto caso alla realtà nascosta nelle indimenticabili note.

Inoltre è ovvio che non possiamo (purtroppo) avere una preparazione onnisciente su tutti gli argomenti quindi qualche piccola ma importante lacuna sonora potrebbe essere colmata grazie a questa iniziativa che porta il nome dell’accordo più semplice della chitarra.

E questi sono solo alcuni dei motivi per cui il progetto risulta utile oltre che interessante… gli altri sta a voi scoprirli.

Dopo aver ascoltato i primi episodi mi sento già di consigliarlo a tutti, ma non sono la sola. Apple ha infatti scelto MIm (MI minore) tra i Nuovi Podcast musicali consigliati di Podcast.

Continuate a seguirci su Talky per essere sempre aggiornati su tutte le notizie riguardanti musica, serie tv, cinema e altro ancora.

COMMENTI