lunedì , 17 Giugno 2019
Spy vs. Spy: Retrogame Mood

Spy vs. Spy: Retrogame Mood

Spy vs. Spy: direttamente dal 1984 un gioco in cui due spie cercano di eliminarsi a vicenda con metodi assurdi, mentre svolgono una missione di spionaggio. L’avevate dimenticato?

Spy vs. Spy era rimasto chiuso in un cassetto per troppo tempo e finalmente ieri ha deciso di tornare alla luce. Ammetto che mi ero completamente dimenticato di questo gioco, ma sono qui per rimediare! Spy vs. Spy, letteralmente “Spia contro spia“, è un fumetto statunitense, senza parole e in bianco e nero, pubblicato sulla rivista Mad Magazine a partire dal 1961, ideato dal disegnatore cubano Antonio Prohias.

spy-62

L’omonimo videogioco è stato pubblicato a partire dal 1984 per numerosi home computer e console. Due giocatori oppure un giocatore e il computer controllano rispettivamente la spia bianca e la spia nera, che come nel fumetto cercano di eliminarsi a vicenda con metodi assurdi, mentre svolgono una missione di spionaggio. Spy vs. Spy è considerato un gioco di azione e strategia in quanto per vincere bisogna capovolgere qualsiasi stanza e stare attenti alla spia rivale.

Spy vs. Spy si svolge in un’ambasciata composta da molte stanze, in cui le due spie si sono intrufolate mentre non c’è nessuno. L’obiettivo è trovare una serie di oggetti e quindi raggiungere l’aereo pronto per la fuga, prima che scada il tempo o che lo faccia l’avversario. Lo schermo è diviso orizzontalmente, sopra viene mostrata l’azione della spia bianca e sotto della spia nera (secondo giocatore o computer).

maxresdefault

Per ciascun giocatore viene mostrata la stanza dove si trova attualmente, in prospettiva, e a lato un sistema di icone di comando, detto il Trapulator. Le spie possono muoversi nelle quattro direzioni, rovistare il mobilio per trovare oggetti, e piazzare vari tipi di trappole mortali dagli effetti cartoneschi: bombe, molle giganti, pistole con il grilletto legato a una cordicella, secchi sopra le porte.

About Michael Camisa

Check Also

img_8050 310x165

All Work All Play: quando i videogiochi diventano un lavoro

La scena si apre con la telecamera che segue un uomo. L’aria è carica di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *