mercoledì , 19 Giugno 2019
“Vergognatevi”, il tweet di Rita Dalla Chiesa contro l’Enel

“Vergognatevi”, il tweet di Rita Dalla Chiesa contro l’Enel

Rita Dalla Chiesa furiosa su Twitter:” Vergognatevi”, facendo riferimento a una bolletta della luce dell’Enel. La donna ha postato una foto che mostra la bolletta e i suoi consumi e chiede, sempre su Twitter, se c’è qualcuno che può salvare i cittadini dall’Enel che per un consumo di 12 euro a bimestre emette bollette per 68,17 euro. “ Che ci fate nei talk show televisivi?”, ha chiosato Dalla Chiesa.

schermata 2019 03 20 alle 10.07

I commenti e le risposte al tweet di Rita Dalla Chiesa

Un tweet che ha da subito raccolto migliaia di commenti e ‘mi piace’ da parte di tanti cittadini che ogni giorno combattono contro errori e prezzi troppo alti. Una follower della conduttrice italiana ha risposto: “ Le spese accessorie sono troppo alte. Altro problema è che non esiste un reale libero mercato, le compagnie sono tutte unite in un cartello”. C’è chi invece ha invitato la figlia del Generale Dalla Chiesa a fare qualcosa in più oltre a lamentarsi, visto il ruolo che ricopre e l’esposizione mediatica di cui può approfittare per esporre questo problema. Una situazione che attanaglia sempre più persone in Italia.
Lei su questo ha risposto di aver provato tante volte a proporre questo argomento ma che non interessa a nessuno, “ E’ come acqua fresca” ha detto. 

schermata 2019 03 20 alle 10.18

Tra i commenti al tweet c’è anche chi ha parlato di truffe vere e proprie e di costi che vengono rigonfiati in qualsiasi servizio. 
Ora tocca vedere se questo argomento verrà finalmente trattato anche in tv vista la quantità di richieste. E chissà che non vengano fatte delle verifiche alla bolletta della signora Dalla Chiesadopo la sua denuncia social.

About Eleonora Spadaro

Check Also

Marcelo Burlon

Marcelo Burlon: “Madonna, sei cessa”, poi arrivano le scuse

Marcelo Burlon insulta Madonna su Instagram. Il post, rimosso successivamente dallo stilista, arriva prima delle scuse. Ecco cos'è successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *