Game of Thrones, Emmy 2019: I pronostici del cast, tante prime volte

Settembre 22, 2019 di Giorgia Terranova

Emmy Awards 2019 - Gamed of Thrones

Cresce l’attesa per la cerimonia degli Emmy Awards e Game of Thrones è al primo posto con 10 nomination. Ecco le previsioni per il cast della serie.

La notte degli Emmy Awards si avvicina e si sta per scoprire chi porterà a casa il maggior numero di premi e particolare attenzione va a Game of Thrones. Tra serie concluse e nuove straordinarie miniserie uscite in questo 2019, lo show che ha fatto particolarmente discutere, è in testa alla classifica anche quest’anno.

Nonostante le ultime sei puntate dell’ottava stagione abbiano deluso la maggior parte dei fan, le nomination per gli Emmy del 2019 sono comunque 32. Un record assoluto se si sommano anche quelle degli anni precedenti. Se sembrano scontate le vittorie come miglior drama e per le categorie tecniche, grandi sorprese sono quelle per le cinquine dedicate ad attori e attrici. A parte la costante presenza di Peter Dinklage nella categoria miglior attore non protagonista in una serie drama, per Game of Thrones è una novità avere gran parte del cast a contendersi il premio più importante per la televisione.

La prima volta per i due protagonisti di Game of Thrones

Partendo dal miglior attore protagonista in una serie drama troviamo solo Kit Harington, che ha comunque degli avversarsi che non fanno pensare ad una sfida facile. Soprattutto per quanto riguarda Billy Porter,  interprete della nuova serie Pose dall’atmosfera glamour che ha conquistato gran parte del pubblico. Anche per il premio di miglior attrice protagonista c’è solo Emilia Clarke, non particolarmente quotata come vincitrice. Dato l’enorme successo delle due acclamate star della serie Killing Eve, sia Sandra Oh che Jodie Comer sono considerate meritevoli del riconoscimento.

Emmy 2018 - Jacob Anderson, Nathalie Emmanuel, Liam Cunngham e Kit Harington - Game of Thrones
Jacob Anderson, Nathalie Emmanuel, Liam Cunngham e Kit Harington durante l’edizione 2018 dell’anno scorso dopo aver ritirato il premio come Miglior serie drama

Una sfida impari

Come miglior attore non protagonista in una serie drama, la presenza di Nikolaj Coster-Waldau e Alfie Allen, rispettivamente nel ruolo di Jamie Lannister e Theon Greyjoy, è sorprendente e inaspettata. Ma la vera competizione è con uno dei migliori attori della serie, Peter Dinklage, pluripremiato agli Emmy, che vincerebbe così per la quarta volta. Il competitor maggiore in questo caso è Jonathan Banks di Better Call Saul. Per quanto riguarda invece la categoria miglior attrice non protagonista in una serie drama la sfida è più accesa: Gwendoline Christie, Lena Headey, Maisie Williams e Sophie Turner. Nonostante il personaggio di Brienne e della regina Cersei siano particolarmente apprezzate, la vera lotta è tra le interpreti delle due sorelle Stark, Arya e Sansa. Probabile vincitrice è Sophie Turner, nonostante l’interpretazione di Maisie Williams, e il suo personaggio, meriterebbero davvero l’Emmy.

Una candidatura inaspettata

Anche tra i premi come miglior attrice guest star in una serie drama c’è Carice Van Houten che interpreta Melisandre nella serie e che occupa davvero poco spazio in questa stagione. È sicuramente presente in una delle puntate più importanti, e cioè la terza, la nebbiosa battaglia tra i vivi e gli Estranei. Ma l’attrice non è particolarmente quotata, vista la presenza, come competitor, di Jessica Lange della serie American Horror Story. Game of Thrones potrebbe quindi davvero conquistare la vetta anche quest’anno, nonostante le polemiche e le critiche che sono seguite all’ottava stagione che, indubbiamente, non regge il confronto con le precedenti.

 

COMMENTI