FIMI: scopri tutte le certificazioni della settimana

Settembre 18, 2017 di Federico Cairo

Inizia una nuova settimana all’insegna delle certificazioni FIMI. Nessun album ha ricevuto certificazioni, situazione completamente diversa per quanto riguarda i singoli.
Gli ultimi lavori di Tiziano Ferro, Vasco Rossi e Ligabue sono parecchio vicini a raggiungere rispettivamente le prossime certificazioni, che puntualmente tardano ad arrivare. Dunque, anche questa settimana nessun disco è certificato.

Il rap e il trap continuano a trionfare. Fabri Fibra, Gué Pequeno e la coppia J-Ax&Fedez macinano certificazioni di settimana in settimana. Ottiene il platino “We Can’t Stop” di Miley Cyrus, medesimo risultato per “Where Is The Love?” dei Black Eyed Peas. “Something Just Like This” dei Chainsmokers e Coldplay continua il suo cammino in FIMI e conquista il 5° platino per le oltre 250.000 copie vendute.
Certificazioni – Singoli:
ORO (+25.000):

  • Are you gonna be my girl – Jet
  • Sembra semplice – J-Ax & Fedez
  • Parigi – Emis Killa feat.Neffa
  • Porcelain – Moby
  • Cade la pioggia – Negramaro feat.Lorenzo Jova Cherubini
  • I’ll be missing you – Puff Daddy feat.Faith Evans & 112
  • Wild World – Cat Stevens
  • No one – Alicia Keys 
  • La pula bussò – Fabri Fibra
  • Belong – Axwell & Shapov
  • Tu sei – Gabry Ponte feat.Danti
  • Skin – Rag’n’Bone Man
  • Svegliarsi la mattina – Zeroassoluto
  • Oro giallo – Gué Pequeno feat.Luchè
  • Magazine – Dark Polo Gang

PLATINO (+50.000):

  • Faccio un casino – Coez
  • September Song – JP Cooper
  • Where is the love? – Black Eyed Peas
  • We Can’t Stop – Miley Cyrus
  • Midnight City – M83


2xPLATINO (+100.000): Sweet child o’ mine – Guns N’ Roses
3xPLATINO (+150.000):

  • Be mine – Ofenbach
  • I don’t wanna live forever – Zayn & Taylor Swift

5xPLATINO (+250.000): Something Just Like This – The Chainsmokers & Coldplay

Le certificazioni FIMI della prossima settimana vedono in pole position il 3° disco di platino per “Voglio ballare con te”, l’ultima hit di Baby K in duetto con Andrés Dvicio.

COMMENTI