Buffy The Vampire Slayer: James Marsters parla della storia tra Spike e Buffy

Aprile 4, 2017 di Maira Vista

James Marsters capisce perfettamente il motivo per cui molti fan di Buffy The Vampire Slayer siano team Angel e molti altri invece team Spike. 
Alle persone piace combattere – dice l’attore – A loro piace schierarsi dalla parte di un team e far capire quanto sia giusto il team che ci si è scelti e quanto sbagliato sia il team avversario. Penso che ciò che lo show abbia mostrato molto chiaramente è che Angel è stato l’unico per Buffy, e credo che lo show sia stato altrettanto chiaro nel dire che Spike non era la risposta giusta.
Risultati immagini per buffy spike gif
La stagione 6 in particolare, mostra il lato più brutale di Spike, quando cerca disperatamente un contatto con lei, fino ad arrivare ad un rapporto sessuale violento, arrivando al punto di violentarla quasi. “Penso che molte persone, me compreso, abbiano spesso scelto il partner sessuale sbagliato – dice James Marsters e lo stesso è valso per Buffy. Penso che gli autori stessero cercando di far ricordare al pubblico che Spike è il male, sì ha una bella spavalderia, ma lui è il male! Ed è stato frustrante arrivare a quel punto. Penso che quella scena di quasi stupro in quel bagno sia stata la cosa più drammatica dello show. E’ stato un grosso rischio.
Nel finale di serie, però, è Spike che alla fine si guadagna un’anima e salva Buffy e i suoi amici sacrificando sé stesso. “La sua redenzione è avvenuta alla fine, rendendosi conto di quanto l’amava ma che nonostante ciò non era ancora abbastanza per lei.

Per coloro che sono team Spike, James Marsters però aggiunge che potrebbe esistere un mondo in cui Buffy e Spike sarebbero potuti stare assieme: “Ho sempre detto che se Spike avesse avuto più tempo per capire cosa fare con la propria anima, avrebbe potuto trasformarsi nel vampiro che lei merita – poi aggiunge – Ma ci vorrebbero alcuni anni per far accadere ciò.
E voi cosa ne pensate?

COMMENTI