Anna Dalton: Intervista “ A novembre sul set de L’Allieva”

Ottobre 1, 2019 di Anna Chiara Delle Donne

Anna Dalton, scrittrice  e attrice nota per “L’Allieva”, ci ha raccontato il suo ultimo romanzo “La Ragazza con le parole in tasca” e di quando tornerà sul set della fiction Rai.

“Trovate ciò che vi rende felici, nonostante tutto, in maniera incrollabile, e seguitelo”, questo è il fulcro del nuovo libro di Anna Dalton. ” La ragazza con le parole in tasca” , seguito del tuo esordio ‘L’apprendista geniale’ è il nuovo romanzo di Anna Dalton. Scrittrice capace di raccontare i sogni, le speranze e i traguardi di una giovane ragazza alle prese con il sogno del giornalismo. Non solo scrittrice ma anche attrice. Il pubblico ama da sempre Anna Dalton per il suo ruolo nella serie di successo di Rai Uno ‘L’allieva, dove l’attrice interpreta la bella e particolare Cordelia, accanto ad Alessandra Mastronardi.

 

 

Bentrovata, Anna. Da pochi giorni, è uscito il tuo nuovo libro ” La ragazza con le parole in tasca” , seguito del tuo esordio ‘L’apprendista geniale’. Come  presenteresti questo secondo capitolo della storia di Andrea? 

“Andrea frequenta il secondo anno al Longjoy College, una delle scuole di giornalismo più prestigiose al mondo. Ritrova i suoi amici e nemici. Inoltre, ci sarà l’arrivo di un nuovo personaggio chiamato Zen che cambierà un po’ tutti gli equilibri, creando un po’ di scompiglio.

 

Come cambia Andrea in questo libro e in quali punti del suo carattere hai cercato di rafforzarla? 

“Avere la possibilità di seguirla per il secondo anno, mi ha permesso di renderla più vera, più profonda. La bellezza di avere a disposizione tre libri per parlare di una storia è che si riesce a creare degli strati, delle nuove dinamiche, delle possibilità di esplorare le cose. Racconto le cose che succedono nella vita delle persone e le faccio accadere ai miei personaggi.  Andrea vivrà nuove esperienze come un dilemma sentimentale oppure il conflitto con il personaggio di Barbie. Ad un certo punto della storia, Andrea non sopporterà più le angherie di Barbie, e scoppierà. Anche alle persone più pazienti, ad un certo punto, succedono momenti di esplosione e di perdita di pazienza.

 

Cosa credi ci sia di te all’interno di questa storia? 

“Quando scrivo, cerco di trarre sempre un po’ qualcosa dalle mie esperienze e da quelle delle persone che mi stanno intorno. Racconto un mix di storie che conosco. Quando scrivi determinate cose in un determinato anno della tua vita,  ci saranno sempre delle tematiche che ti sembreranno più importanti da raccontare. Credo sia bello seguire gli anni e i periodi che vivi attraverso la scrittura. Ho affrontato dei temi che mi stanno a cuore e in cui credo, cercando di renderle accessibili a tutti. Ho scritto delle cose importanti con un vestito di leggerezza e allegria.

 

Il sogno di Andrea è quello di diventare una giornalista. Ogni lettrice può identificarsi nelle aspirazioni di Andrea e nelle fatiche che si hanno per raggiungere i propri traguardi? 

“Trovo fondamentale che attraverso i miei libri passi questo messaggio. Raggiungere il proprio sogno nella vita è una delle cose più importanti da fare; è la colonna sonora di tutto ciò che facciamo. Il nostro sogno ci fa prendere determinate decisioni e scelte. Più si ha chiaro il nostro obiettivo, più forza abbiamo e meno si spreca il tempo, girovagando per altre cose. Andrea ha questo sogno sin da bambina ed ha la fortuna di infondere in questo obiettivo ogni sua energia. Il sogno di Andrea la rende così cosciente dell’importanza di ciò che vuole fare.

 

 Nell’introduzione del tuo libro c’è una frase chiara: la vita è fatta di scelte, e che più si cresce più esse diventano difficili. Che significato dai alle scelte, Anna? 

“Prima o poi, ti trovi davanti ad un bivio per capire in che direzione deve andare la tua vita. Ci sono continuamente delle scelte che dobbiamo prendere nella vita, è così per tutti. Credo che bisogna avere le idee chiare su ciò che vogliamo fare e su ciò che ci rende felici.

 

Come ti senti cambiata in questi anni come scrittrice? 

“Quando ho scritto il primo libro, ho lanciato il cuore oltre l’ostacolo. Ho impiegato tanto tempo e tanto impegno in questa storia. Avevo voglia di raccontare questa storia e speravo di farlo. Sono felice di averci creduto così tanto e di essere arrivata in fondo. Nel momento in cui tutto parte, tiri un sospiro di sollievo e ti rendi conto di ciò che hai realizzato. Scrivere mi rende felice. La mia casa editrice Garzanti mi segue e mi supporta, si è creato un gruppo di lavoro composto da persone empatiche ed umane. Avere qualcuno che ti regala fiducia e crede in quello che fai è fondamentale.

 

 

Oltre alla carriera di scrittrice, porti avanti una bellissima carriera d’attrice. Quali sono i tuoi prossimi progetti per quanto riguarda la recitazione? 

“A Novembre, cominceremo a girare la terza stagione de ‘L’Allieva’. Sono felice e non vedo l’ora che arrivino i copioni per poterli leggere. Aspetto con ansia di capire cosa succederà alla mia Cordelia. Mi fa piacere tornare sul set. Alessia Gazzola è una bella persone ed una grande professionista.

COMMENTI